Google+

“Le ragazze del centralino” tra passato e presente ! 

Lascia un commento

01/12/2017 di Cristina Ammendola

#Riflessione su una tematica della serie “Le ragazze del centralino” trasmessa su #Netflix. 

Fiction ambientata nella #Società degli anni ’30,  in cui vi era un maschilismo duro a morire : donne che dovevano lottare anche per andar solamente ad una festa ! 

Contrasto notevole con l’attuale stato di vita che hanno le ragazze di oggi, dove sembra che tutto li sia facile e sopratutto #dovuto! 

Se si pensa un attimo al passato, si nota a come si sia avuto il bisogno di impuntare i piedi, a volte anche #soffrire, per ottener un po’ di #libertà.

Libertà di espressione, di essere indipendenti, di poter #essere libere di vivere!

Ed oggi come và la vita ? 

Per certi versi vi è  la libertà, ma spesso la si confonde con il #libertinaggio, infatti la maggior parte della nuova generazione, esce come desidera, specialmente con un particolare make-up, che nemmeno alcuni trentenni sognano di avere.

D’altronde non è solo questione di trucco.. anche di abbigliamento! 

Spesso le vediamo in giro un po’ troppo scollate : con pantaloncini corti, con l’ombelico in vista,  con magliette particolari riempite di design glitterati ecc..  che a primo impatto le fanno sembrare di facili costumi. 

In realtà sono solo delle fanciulle che cercano di attirare la loro l’#attenzione! 

E dulcis in fundo : il “nuovo” linguaggio, un po’ troppo forte nel modo di esprimersi… pretendo il #rispetto …e nessuno può permettersi di giudicarle. 

A volte è solo apparenza… 

È davvero questa la libertà per cui abbbiamo lottato tanti anni in passato ?

Solo per apparire ?

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 25,351 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.067 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.