Google+

Buona caccia

2

02/09/2017 di Francesca Nardella

#Perdere. Mai parola più potente per definire quella sensazione di completo #smarrimento, quasi #terrore che riesci a leggere negli #occhi di chi ha visto #scivolar via dalle proprie mani qualcosa o qualcuno cui aveva ceduto un pezzo di sè.La perdita può riguardare una persona, un obiettivo mancato, qualcosa che ormai è cambiato, che non possiamo più fare come prima. 

Perché ti fa così paura? Ti irretisce a tal punto da renderti a volte dipendente da persone e situazioni cui ti aggrappi , ti forzi ad accettare per paura di perdere. Come se stessi giocando una partita a scacchi, chi possiede la strategia vincente arriva al re. Ma contro chi stai giocando? Possibile non renderti conto che stai sfidando solo te stesso? È vero, fa male perdere, ma non per forza devi concentrarti sull’assenza.

Piuttosto, cosa significava quella stessa presenza? Rendeva la tua vita migliore? 

Se era solo un dare, nemmeno per ricevere, ma un dare a vuoto, un vuoto a perdere. A volte perdere qualcosa serve proprio a trovare te stesso. Si, perché capita di immergersi così tanto in qualcuno o qualcosa, da perdere pezzi di sè qua e là, senza nemmeno accorgersene. 

E poi? Ti ritrovi davanti allo specchio come una spugna, sei pieno di buchi che ahimè solo la tua cieca testardaggine ha creato. 

Ti sei lasciato bloccare dalla paura, e che ci hai guadagnato? 

Ciò che hai perso non è uno scopo, un ideale, una meta, 

ma te stesso. 

E sei la ‘cosa’ che sarà più difficile ritrovare. 

Buona caccia. 

Portati la torcia, i mostri che hai dentro potrebbero svegliarsi. 

Non è colpa di nessuno, quindi decidi: 

o vittima, 

o predatore.
©Francesca Nardella

 

RIPRODUZIONE RISERVATA

2 thoughts on “Buona caccia

  1. Mario ha detto:

    Bel pezzo! Brava… ti leggo sempre.
    Alla prossima.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 25,495 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.068 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.