Google+

Cultura: l’arte del “coltivare”

Lascia un commento

27/03/2017 di Ilenia Nese

Gli uomini con una certa apertura mentale saranno più propensi ad #arricchire il proprio #BagaglioCulturale.
La cultura è molte volte intesa come il possedimento di un determinato bagaglio culturale, ma non è solo questo..
#Acculturarsi vuol dire duro lavoro, impegno, costanza e amore per ciò che si fa. Anche la #visione di un film o la #lettura di un libro aiutano l’uomo ad acculturarsi. Ogni persona, quindi, deve informarsi molto e spesso, deve essere curiosa e soprattutto non deve essere una copia uniforme degli standard sociali.
“Cultura” (dal lat. cultura, der. di colĕre « #coltivare », part. pass. cultus) è una parola latina molto particolare, con due significati. “Re” vuol dire coltivare, avere cura; proprio come il contadino si prende cura della terra. “Cultus” ( ciò che è stato coltivato) allude allo sguardo dell’uomo di fronte alla terra coltivata e ai risultati del suo duro lavoro.
Il contadino quindi semina la terra, la cura mettendoci tutti i suoi sforzi e sacrifici.
Questo concetto si può attualizzare: così come il contadino non si può permettere di non lavorare e quindi rischiare di perdere il lavoro svolto, così l’uomo non deve smettere di lavorare per “coltivare” la sua mente.

cultura_libertad

Cultura vuol dire anche apertura verso le altre persone, e quindi di non fermarsi davanti alle apparenze e alle convenzioni sociali.

L’uomo, grazie alla cultura, è in grado di diventare invincibile dinanzi all’ignoranza, il male peggiore che possa esistere in società.
© Ilenia Nese

RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Ilenia Nese

Ilenia Nese è una ragazza siciliana della provincia di Palermo, nata a Cefalù il 05/08/1996. Si è diplomata al Liceo Linguistico "Ninni Cassarà" di Cefalù nel 2015 e attualmente è una studentessa di mediazione linguistica all'università "l'Orientale" di Napoli. Le piacciono il mondo dell'arte,della letteratura e della storia. Ilenia suona il flauto traverso e dal 2013 fa parte della banda musicale "Euterpe di Lascari (PA). La sua passione è la scrittura e le piace scrivere articoli di giornale. Il suo sogno è quello di perfezionare il livello linguistico del tedesco e di intraprendere la carriera giornalistica.

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 20,420 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.036 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.

Soundtrack Y

Soundtrack I. N.