Google+

“Le Città Invisibili” di Italo Calvino

Lascia un commento

22/02/2017 di Salvatore Varriale

citta-per-news-982x540

“Le Città Invisibili” è un libro di Italo Calvino pubblicato nel 1972 e si colloca nel periodo combinatorio dell’autore. Nella letteratura combinatoria il lettore “gioca” con l’autore, cercando di rintracciare le svariate “combinazioni interpretative” nascoste nell’opera stessa e nel suo linguaggio. Si suddivide in 9 capitoli e ognuno di essi si apre con un dialogo tra Marco Polo e  Kubilai Khan, in cui l’imperatore dei Tartari interroga l’esploratore veneziano sulle città del suo impero. Al suo interno, però, è possibile individuare ulteriori divisioni: ognuna delle 55 città si inserisce in una precisa categoria (ne troviamo 11 in tutto), dalle “città nascoste” alle “città e la morte”.  Il lettore può così giocare con la struttura del testo, scegliendo di seguire un raggruppamento o un altro, o semplicemente passare da una descrizione all’altra.

Le tematiche affrontare sono numerose: dal ricordo alla morte, dal tempo al desiderio. Secondo Calvino, questo è il libro in cui ha detto più cose, perché è riuscito a concentrare in un solo simbolo tutte le sue riflessioni ed esperienze, mediante una struttura assai complessa in cui ogni breve testo sta vicino ad altri in una successione che non implica una consequenzialità o una gerarchia, ma una rete entro la quale si possono individuare più percorsi e ogni concetto si rivela duplice.

Le città, reali o sognate, diventano il simbolo della complessità della realtà e l’autore mediante i suoi messaggi cerca di ordinare questo grande caos. Ma il suo obiettivo primario, in realtà, è quello di mostrare “l’inferno che abitiamo tutti i giorni” e i due modi per uscirne. Il primo dice semplicemente di accettare l’inferno e farne parte fino a non vederlo più. Il secondo, al contrario, esige grossi sforzi: saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno e farlo durare, dargli uno spazio.

Le città, come anticipato poc’anzi, sono anche sogni. Marco Polo dice: “Tutto l’immaginabile può essere sognato ma anche il sogno più inatteso è un rebus che nasconde un desiderio, oppure il suo rovescio, una paura. Le città, come i sogni, sono costruite di desideri e paure, anche se il filo del loro discorso è segreto, le loro regole assurde, le prospettive ingannevoli, e ogni cosa ne nasconde un’altra”. Le città sono anche deliziosi quadri surrealisti: essi non derivano dal surrealismo, bensì dallo scontro di due opposti: la realtà e il mondo delle idee. Ecco, dunque, spuntare il platonismo nella letteratura di Calvino. Le città potrebbero essere il risultato di uno scontro tra una città ideale e una reale: questo scontro, però, non si risolve storicamente in nulla e i due opposti non si superano in un rapporto dialettico!

E’ anche l’opera di un giovane ma, al tempo stesso, di un vecchio. Di un giovane, perché solo un ragazzo così radioso, così cristallino, ha la pazienza di iniziare, finire e rifinire il suo lavoro con così tanto entusiasmo. Di un vecchio, perché “Le Città Invisibili” è inevitabilmente il prodotto  di un vecchio che ha visto scorrere la vita davanti ai suoi occhi.

L’ambiguità del racconto è rintracciabile soprattutto nelle pagine connettive del libro, quelle in corsivo, in cui compaiono i dialoghi tra Marco e Kubilai. “Ambedue gli interlocutori”, dice Pier Paolo Pasolini, “si presentano, ogni volta, come i simboli di tutti i libri possibili che questo libro potrebbe essere; o come simboli dei punti di vista attraverso cui questo libro potrebbe essere angolato. Non si può quindi affatto parlare di “relativismo” a proposito di Calvino, perché il suo relativismo è completamente visionario, confrontato con infinite possibilità diverse”.

Si possono individuare molteplici finali, perché “quest’opera è fatta a poliedro, di conclusioni ne ha un po’ dappertutto”, così come afferma Calvino in una conferenza del 1983 alla Columbia University di New York.  E il senso, così come scrive Pasolini, “è come un’eco in una valle piena di grotte che suona ora qua ora là, pur essendo sempre lo stesso”.

 

@SALVATORE VARRIALE
©RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Nato a Napoli il 4 giugno 1997. Studente di Lingue e Culture Comparate (tedesco, cinese, inglese, francese). Redattore di SpazioNapoli.it, precedentemente di Italiacalcio24.it. Collabora per la rivista interculturale Oneelpis.com. Uno dei suoi motti: "La pazienza è la virtù dei forti." (Sun Tzu)

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 25,351 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.067 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.