Google+

Il commissario Draghi

Lascia un commento

07/02/2017 di Anais Draghi

PREMESSA Il collezionista di coscienze.

Questo romanzo ha l’intento di essere un thriller, chi ha letto finora le indagini del Commissario Draghi ha spesso apprezzato la sofficità dei temi. Qui troverete qualche particolare più crudo, ma vi garantisco che il mio animo gentile non ha saputo eccedere.
Per prevenire coloro che potrebbero trovare i personaggi poco delineati, ricordo che leggendo tutta la serie avreste una migliore conoscenza dei protagonisti. Essi si scoprono a poco a poco, come la maggior parte dei miei conterranei.
Comunque per informazione ai neofiti ricordo che: l’ambientazione è sempre la stessa, la mia cara Liguria.

Alessandro Draghi è stato da poco nominato commissario, precisamente dopo aver risolto il caso della Donna del fiume. Non è bellissimo, ma dotato di fascino. Elegante e sportivo, ama alla follia la sua moto. È corredato di una sottile vena ironica ed è spesso soggetto a sbalzi d’umore.
L’ispettrice capo Sara Ardenghi è una graziosa romana de Roma, dalla chioma rossiccia. Solare, sensibile, impulsiva, ma molto tosta: all’occorrenza sa cosa fare! Ha appena iniziato una storia sentimentale con il suddetto commissario, per ora soddisfacente, nonostante qualche sporadico battibecco.
Il sovraintende capo Paolino Parodi è un informatico eccellente, molto nerd negli occhialini al titanio, la zazzera disordinata e gli incisivi da coniglio. Molto simpatico, è l’amicone fidato che tutti vorrebbero avere.
Vi sono poi personaggi secondari come l’indispensabile agente De Luca, solerte e pasticcione; il granitico agente scelto De Rosa, a cui ricorrere quando necessitano i muscoli; il vice ispettore Pittaluga, figura molto marginale; il vice questore Boni, la cui mole da peso massimo contrasta con l’estrema bontà d’animo e il dottor Zanchi, il patologo dal fisico elefantesco: preciso, competente, puntuale, ma molto polemico e sarcastico.
In questa nuova avventura incontrerete un nuovo personaggio: la criminologa Lara Delbuono, lascio a voi il piacere di scoprirla…
Ma ora bando alle ciance e cominciamo l’indagine!

 

Ps.- i libri sono ordinabili su Amazon

 

© Angelo Azzurro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 20,552 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.038 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.

Soundtrack Y