Google+

“Ego cogito, ergo sum, sive existo” diceva Cartesio, il filosofo razionalista

Lascia un commento

31/12/2016 di Angela Marrazzo

 

-“Ego cogito, ergo sum, sive existo”, diceva il filosofo razionalista e matematico Renato Cartesio (1596-1650) nei suoi “Discorsi sul Metodo”, che tradotto vuol dire: io penso, dunque sono, ossia esisto.

Dunque sono ciò che penso? Se sono ciò che penso, vuol dire che le mie azioni riflettono i miei pensieri.

Da dove hanno origine i miei pensieri? I nostri pensieri hanno per oggetto le idee, ma l’idea non è altro che l’oggetto di una visione o intuizione intellettuale. Se io sono ciò che penso, se le mie azioni rispecchiano i miei pensieri, se i miei pensieri hanno per oggetto le mie idee, allora le mie azioni rispecchiano le mie idee? Perché ci comportiamo in un modo e non in un altro? Forse perché il nostro comportamento e le nostre azioni dipendono sia dalle nostre idee e sia dai nostri pensieri. Infatti è proprio il pensiero che produce l’azione, inoltre è proprio l’idea che guida la nostra condotta attuale. Come nascono le nostre idee? Le nostre idee, i nostri valori, i nostri ideali, derivano dalla nostra educazione che abbiamo ricevuto fin da piccoli, dal nido familiare. Infatti, la famiglia, la più antica e la più importante di tutte le istituzioni, è la sede primordiale della socializzazione primaria, poiché introduce e prepara alla vita sociale, insegnando i valori e ideali.

avatar (1)òò

Come cambiano le idee? L’ambiente educativo influenza le nostre idee, dunque l’ambiente di apprendimento, sia positivo e sia negativo, condiziona la nostra condotta. Anche la cultura plasma le nostre idee, le modella fino a ridefinirle oppure le cambia totalmente. Dunque, se cambieranno le idee, cambierà anche il nostro comportamento. Allora “panta rei”, tutto è in movimento, tutto è in evoluzione, senza arrestarsi mai. La nostra fragile identità è costantemente soggetta a continue trasformazioni quotidiane, che involontariamente e inconsciamente, ci cambiano.

Perché cambiano le idee? Le idee cambiano al variare dell’ambiente di apprendimento in cui viviamo e di riflesso in base alle persone che frequentiamo quotidianamente. Se prima avevamo un’idea X di un oggetto A, ora abbiamo un’idea Y rispetto allo stesso oggetto A. Ne consegue che, è cambiata la nostra idea dell’oggetto A. Infatti, l’oggetto A non è cambiato, ma forse siamo cambiati noi, perché sono cambiate le nostre idee, dunque è cambiato il nostro comportamento, sempre in relazione a quello stesso oggetto A. Dobbiamo stare molto attenti a tutto ciò che ci circonda, perché tutto può essere rimesso in discussione e non siamo più quelli di ieri. In realtà, oggi, non abbiamo più le idee che avevamo ieri e non ci comportiamo più come ci comportiamo ieri rispetto a uno stesso oggetto A. Infatti, oggi abbiamo un’idea diversa, un pensiero diverso, riguardo a quello stesso oggetto A.

Cos’è cambiato da ieri a oggi? Tutto o niente? Eppur qualcosa si muove, perché le nostre idee cambiano. Ce ne accorgiamo perché cambia il nostro comportamento.

Se i nostri comportamenti rispecchiano i nostri pensieri, i pensieri di ieri, sono diversi dai pensieri di oggi, i comportamenti di ieri, sono diversi dai comportamenti di oggi.

Se cambia il pensiero, in realtà cambia tutto…. “Non restare chiuso qui pensiero, riempiti di sole e va nel cielo, cerca la sua casa e poi sul muro scrivi tutto ciò che sai pensiero, pensiero.” (Pooh)

 

Dott. ssa Angela Marrazzo

Pedagogista

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Angela Marrazzo

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 20,455 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.036 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.

Soundtrack Y