Google+

Tagliatelle di seppie all’italiana

5

28/12/2016 di Redazione @OneElpis

Davide Ascione

 

| Cari amici lettori,
A casa mia come di consueto, il pensiero principale è stato quello di individuare i piatti migliori per rendere il cenone più gustoso.  Cercherò di condividere con voi quella che per me è stata, tra le tante portate, la più delicata, saporita e allo stesso tempo bella da vedere.

tagliatelle-890x570

Nello scorso ariticolo parlammo dell’amore e dei cibi che si possono associare ad esso e proposi un piatto molto bello e semplice quale: riso venere al pollo.

 

Oggi vi propongo come accennato prima, un piatto (antipasto), semplice e gustosissimo che può tranquillamente sostituire la tanto amata e celebre INSALATA DI MARE .

 

 

INGREDIENTI:  SEPPIE (12/14cm), sedano, carote, cipolle, rucola, pomodorini, limone, olio, sale, prezzemolo.

 

Prima di tutto pulire e lavare ben bene le seppie accuratamente, consiglio di scegliere quelle di media grandezza per una cottura migliore. Preparare una pentola d’acqua abbondante (fino a coprire tutte le seppie), con carote e sedano tagliati a rondelle , qualche foglia di prezzemolo e cipolla a spicchi.

Una volta immerse le seppie in pentola, cuocerle per circa 30 minuti, fino a cottura ultimata, controllare di tanto in tanto che siano cotte, scolare le seppie e lasciare in acqua fredda per 10/15 minuti per far si che si raffreddino in modo da poterle “manipolare”.

Per rendere questo piatto più curato e bello da vedere, consiglio di tagliare le seppie  con un affettatrice, in modo da ottenere delle vere e proprie “tagliatelle” di seppie( vedi foto 1).

Mentre le seppie si raffreddano intanto, preparate con molta cura le verdurine, tagliate tutto alla julienne lasciando poi i pomodorini in un colapasta e le carote ed il sedano in acqua fredda fino all’utilizzo.

Una volta pronto il tutto, passiamo alla composizione del piatto.

Per renderlo più colorato ci aggiungiamo un po’ di verde, preparare un lettino di rucola che andrà a fare da base alla nostra insalatina di seppie.  Condiamo le seppie con limone, sale , olio ed una manciata di prezzemolo (Q.B), lo stesso facciamo con le verdurine peparate in precedenza, le condiamo con olio, sale e limone.

Disporre una manciata di tagliatelle di seppie al centro del piatto, porre le verdurine sopra et voilà (vedi foto 2) l’antipasto è servito: BELLO, BUONO E VELOCE.

 

NOTA: Ovviamente abbiamo scelto ingredienti che nelle case italiane sono facilissimi da trovare,potete modificare il piatto in milioni di modi a vostro piacimento, prendete spunto e liberate la fantasia, la cucina è bella anche per questo.

 

Ringrazio coloro che ci seguono,  vi saluto, alla prossima ricetta.

 

 

© Davide Ascione

 

RIPRODUZIONE  RISERVATA

 

5 thoughts on “Tagliatelle di seppie all’italiana

  1. Melany ha detto:

    Ciao Davide, come stai? Da molto non leggo un tuo nuovo articolo!
    Trovo le tue ricette tutte molto gustose ed importanti!

    Hey per Pasqua cosa mi condigli 😀?
    Mi raccomando Chef, ho voglia di leggerti e provare nuovi sapori

    Alla prossima

    Kisss kiss

  2. Giulia ha detto:

    ciao Davide, è sicuramente una buona ricetta, la riferiro’ a mia zia che ama cucinare piatti di Mare
    …solo che io cucino e mangio solo piatti di terra 😂
    quindi cosa mi consiglieresti ?
    fammi sapere !
    cmq molto bravo, complimenti 😙

  3. Fan ha detto:

    Complimenti, ottima ricetta, provata ed è stata ottima

    • Davide ha detto:

      Ciao sono felice che tu l’abbia provata , presto arriverà qualche nuova ricetta, continua a seguirci … Un abbraccio

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 25,495 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.068 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.