Google+

“Non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo”

Lascia un commento

18/12/2016 di Francesco Epifania Pica - "F.E.P."

“Non tocca a noi dominare tutte le maree del mondo; il nostro compito è di fare il possibile per la salvezza degli anni nei quali viviamo, sradicando il male dai campi che conosciamo, al fine di lasciare a coloro che verranno dopo terra sana e pulita da coltivare.”

( Cit. J.R.R.T. – Tolkien )

Dicembre, il mese delle feste, dei regali, dell’albero…

ma a prescindere dalla propria religione, il 25 Dicembre si usa far ricorrere la nascita di Gesù.

La Natività, un bambino, simbolo di tutti i cuccioli umani del mondo.

Purtroppo, oggi ci suona ancora vicina la tragedia di Parigi che ci ha ricordato cosa invece accade da anni in luoghi lontani, troppo spesso dimenticati, perché forse non ci sentiamo del tutto parte di questo mondo.

Questi orrori sono del tutto in contrasto con lo spirito che ci pervadein questo periodo dell’anno, sembra quasi affievolire l’aura di gioia e trepidazione che ci avvolge.

Eppure, è proprio l’idea della natività quella sulla quale dobbiamo fare affidamento.

Le nuove generazioni sono il futuro del pianeta, il nostro futuro.

Sono coloro nei quali dovremmo coltivare i valori della pace, della lealtà, della giustizia, del rispetto.

Sono la Nuova Speranza (Cit. da Star Wars. Il primo film in ordine cronologico secondo la produzione, quarto secondo la storia), sono il rinnovamento delle idee, sono le acque fresche che sostituiscono il putridume del vecchio e del marcio, il ristagno.

A questo proposito, l’opera “ Ken il Guerriero”, manga pubblicato in Giappone, la prima volta, nel 1983 su Shōnen Jump della Shūeisha, figlia di Tetsuo Hara e Buronson (pseudonimo dello sceneggiatore Yoshiyuki Okamura) (Editori Italiani-Granata Press, Star Comics, d/visual, Planet Manga) contiene al suo interno un personaggio del tutto singolare.

“Siamo alla fine del XX secolo. Il mondo intero è sconvolto dalle esplosioni atomiche. Sulla faccia della terra, gli oceani erano scomparsi, e le pianure avevano l’aspetto di desolati deserti. Tuttavia, la razza umana era sopravvissuta” (Intro della serie televisiva)

Su un pianeta dove la forza e la violenza spadroneggiano impunemente, KenShiro, unico erede della Divina Scuola di Hokuto, un’arte marziale assassina, avanza alla ricerca dell’amata Julia.

Lungo la strada, l’eroe si imbatte in Fudo della Montagna, uno dei 5 astri in cerchio di Nanto (altra scuola di combattimento), devoti all’Ultimo Generale.

Fudo è un gigante che in passato razziava cibo e ricchezze ai malcapitati di turno, finché un giorno, trovandosi davanti una bambina (la piccola Julia) pronta a difendere un cane ed i suoi piccoli, comprende il vero significato della vita e si redime.

L’omone, negli anni, è diventato il padre adottivo di molti orfani e quando si trova costretto da Raoul, fratello maggiore di KenShiro, a lottare per salvare le loro vite, si fa avanti pur sapendo di non avere alcuna possibilità.

Nel combattimento, Fudo prende forza direttamente dai suoi piccoli, trovando il coraggio di rialzarsi ogni volta e provocando nel suo avversario un terrore che lo fa arretrare per un istante.

Purtroppo, alla fine, il gigante buono deve arrendersi alla potenza soverchiante del Re di Hokuto (così si fa chiamare Raoul) e spira tra le braccia di Ken, giunto troppo tardi sul campo di battaglia, affidandogli il suo tesoro più prezioso: i suoi figli.

(Fudo protegge i bambini)

Qualche tempo prima, Ken aveva preso congedo da Fudo per dirigersi verso la fortezza dell’Ultimo Generale di Nanto, lasciandolo con tali parole:

“Chi guarda avanti di 10 anni pianta un albero. Chi guarda avanti di 100, invece, dà vita e cresce altre persone. Dovrai vivere pensando alla pace che verrà nei prossimi 100 anni”

(Ken e Fudo, assieme ai piccoli Bart e Lynn)

 

“Tre cose ci sono rimaste del paradiso: le Stelle, i Fiori e i Bambini.”

(Dante Alighieri)

© Francesco Epifania Pica

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Francesco Epifania Pica

Francesco Epifania Pica nasce a Napoli il 05/08/1993, la famiglia si trasferisce a Reggio Emilia quando aveva solo un anno. Dopo 16 anni, torna alla sua città natale, dove finisce gli studi dell’obbligo. Dal 2013 è iscritto alla facoltà di Scienze e Tecniche Psicologiche all’Università Federico II di Napoli. Scrive dall’età di quattordici anni, cimentandosi in più generi come il racconto, il romanzo e la poesia. Da sempre appassionato di lettura, ama profondamente Tolkien e le sue opere ma non disdegna altri generi come l’horror, il giallo, lo storico e il romanzo d’avventura. Disegna e suona il pianoforte per diletto, entrambi da autodidatta. Dal 2015 è Redattore & Editor di "One Elpis" . Il suo nome d'arte è F.E.P. proprio come la sua omonima Radio online

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 25,495 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.068 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.