Google+

L’ indifferenza è la rovina dei popoli, delle persone, della vita stessa

Lascia un commento

18/12/2016 di Francesco Epifania Pica - "F.E.P."

E’ una piaga che purtroppo, oggi, è molto diffusa, che si parli di politica, impegno sociale, cultura, di umanità.

Siamo davanti ad un abominevole crogiuolo di vittore della mera sopravvivenza sull’esistenza.

Le coscienze si addormentano e, con esse, la possibilità di ritrovare il calore di un abbraccio o il sapore di un buon libro, l’emozione di combattere per ciò che è giusto.

Masashi Kishimoto, mangaka giapponese, ha reso perfettamente l’idea dell’indifferenza nella sua opera conosciuta in tutto il mondo: Naruto.

Il manga, edito in Giappone da Shūeisha e in Italia da Panini Comics – Planet Manga, tratta delle avventure di un ragazzo orfano, di nome Naruto, il cui sogno è quello di diventare prima un grande ninja e poi Hokage, la più alta carica all’interno del suo villaggio. In questo mondo, esistono nove grandi demoni chiamati cercoteri. Uno di questi, la Volpe a Nove Code, è stata rinchiusa all’interno del corpo di Naruto, per imprigionarne la potenza distruttrice, quando era ancora un neonato. Da quel momento, gli abitanti del villaggio hanno sempre tenuto il giovane a distanza, portando via i loro bambini in sua presenza, evitando di rivolgergli la parola.

(Naruto)

Naruto passa così la sua infanzia, cercando di attirare le attenzioni della gente, anche con scherzi o atti vandalici come imbrattare i muri. La sua solitudine lo rende furioso, finché non trova nei suoi maestri e nei suoi compagni di squadra una nuova famiglia, qualcuno che non è indifferente nei suoi confronti. Da quel momento, il protagonista comincerà a crescere, fino a diventare un membro stimato e apprezzato del villaggio.

Durante la storia, Naruto si imbatte in Gaara, anche lui reso prigione vivente di un cercoterio, il Demone della Sabbia.

Gaara non ha avuto la stessa fortuna di Naruto e solo l’aiuto e l’amicizia di questi riescono a portare nel suo cuore una luce d’amore e di speranza.

Le parole di chi ha vissuto la stessa indifferenza, possono essere più curative di qualunque intervento.

(Gaara)

Kishimoto fa in modo che, durante lo svolgersi degli eventi, le esperienze vissute dal giovane Naruto siano continuamente riportate alla mente. Riesce a farci comprendere quanto l’indifferenza possa essere dolorosa e quanto sollievo si possa trovare nelle persone che ci vogliono bene e nell’inseguimento dei nostri sogni.

Sento sempre più spesso la frase “non mi interessa”.

Certo, bisogna assolutamente rispettare i gusti e le inclinazioni altrui ma quando le parole sopracitate vengono pronunciate troppo spesso, la questione diventa grave.

Persino chi potrebbe criticare questa idea si sta facendo indifferente.

A me cosa importa?

La risposta è semplice, importa della ricchezza che l’umanità sta lentamente perdendo.

Sé stessa.

“Homo sum, humani nihil a me alienum puto”

(Sono umano, nulla che sia umano mi è estraneo)

-Publio Terenzio Afro-

 

 

© Francesco Epifania Pica

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Francesco Epifania Pica

Francesco Epifania Pica nasce a Napoli il 05/08/1993, la famiglia si trasferisce a Reggio Emilia quando aveva solo un anno. Dopo 16 anni, torna alla sua città natale, dove finisce gli studi dell’obbligo. Dal 2013 è iscritto alla facoltà di Scienze e Tecniche Psicologiche all’Università Federico II di Napoli. Scrive dall’età di quattordici anni, cimentandosi in più generi come il racconto, il romanzo e la poesia. Da sempre appassionato di lettura, ama profondamente Tolkien e le sue opere ma non disdegna altri generi come l’horror, il giallo, lo storico e il romanzo d’avventura. Disegna e suona il pianoforte per diletto, entrambi da autodidatta. Dal 2015 è Redattore & Editor di "One Elpis" . Il suo nome d'arte è F.E.P. proprio come la sua omonima Radio online

Secondo le statistiche annuali del sito… la Rivista #OneElpis è letta in gran parte mondo. Il Paese dove è più visualizzata è l’Italia con ben 13’124 visite. Al secondo posto ci sono gli Stati Uniti con 1'080 viste… al terzo il Regno Unito con 177 visite... poi la Spagna con 145, l'Irlanda con 131, Perù con 94, Messico con 76, Brasile con 53, Turchia con 44, Germania con 42. A seguire : Australia, Russia, Svizzera, Costa Rica, Francia, Polonia, Argentina, Grecia, Belgio, Repubblica Dominicana, Paesi Bassi, Giappone, Cina, Romania, Portogallo, Togo, Canada, Guatemala, Repubblica di Macedonia, Austria, Cile, Albania, Repubblica Ceca, Egitto, Colombia, RAS di Hong Kong, Israele, India, Ungheria, Danimarca, Lituania, Bulgaria, San Marino, Norvegia, Algeria, Uruguay, Moldavia, Paraguay, Corea del Sud, Venezuela, Slovenia, Aruba, Serbia, Ecuador, Libano, Città del Vaticano, Singapore, Svezia, Kuwait, Malta, Filippine, Marocco… #VivaOneElpis #OneElpisGo

  • 20,455 visualizzazioni totali

Tag : @OneElpis
Hashtag : #OneElpis

Segui assieme ad altri 7.036 follower

© 2016 – 2017 OneElpis.com

Society/InterCulture Website - Magazine registrato regolarmente su Wordpress.com | "Piano Persolnal" (privo di monetizzazione) con fatturazione annuale. | TUTTI I DIRITTI RISERVATI | Ogni collaborazione alla rivista è da intendersi gratuita. | Sono banditi testi che incitino a qualsiasi tipo di violenza, odio e razzismo. Non si ammette materiale blasfemo, provocatorio, offensivo o pornografico che leda la morale e la dignità dell’individuo. Sono rigorosamente vietati testi che non siano autentici e di proprietà propria. La rivista è in tal senso destituita da ogni responsabilità e si ritengono responsabili quegli stessi autori che presentino testi su cui non hanno nessuna proprietà. I diritti delle opere non vengono ceduti alla rivista e continuano a essere degli autori. Nessun uso dei testi qui pubblicati è consentito senza l’autorizzazione legittima e certificata del suo autore. La rivista non ha nessuna responsabilità per copie o plagi dei testi dei collaboratori da parte di terzi.

Soundtrack Y

Soundtrack F.E.P.